Il Codice del film

Il Codice è stato abbandonato nel 1968, a favore del sistema di valutazione MPAA dei film porno.
Sin dall’inizio la presenza di scene di nudo nei film è stata controversa e ancora oggi è criticata notato da addetti del settore e censori.
Fino al 1980, la nudità maschile è stata raramente mostrata sullo schermo. Se da una parte la nudità femminile è sempre stata regolarmente trattata con rispetto e solennità, la nudità maschile era generalmente trattata in modo umoristico e sarcastico. Oggi tuttavia la nudità maschile è molto più comune e la sua presenza nei drammi deve comunque avere una giustificata ragione artistica del film porno .
La maggior parte dei drammi ruota attorno allo sviluppo del personaggio, come ad esempio Secretary (2002) di Steven Shainberg. Le commedie, soprattutto le commedie romantiche ed i drammi romantici, tendono alla interazione di caratteri.
Articolo principale: Pre-Code Hollywood:
I film-cosiddetti Pre-Code, cioè i film prodotti nel periodo tra la nascita del film porno sonoro nel 1929 e l’inasprimento del codice comportamentale di censura del 1934, comunemente chiamato “Codice Hayes”, spesso presentano personaggi in situazioni sessualmente allusive o provocanti, e non hanno risparmiato l’esibizione di donne in abbigliamenti succinti. In questo cartello pubblicitario del film Safe in Hell (1931), l’attrice Dorothy Mackaill recita la parte di segretaria che diventa prostituta.
Il cinema muto chiude la sua parabola nel 1929.